logo
banner

Maria è qui

Categoria: Home | Data: 05 Mag 2018

 

11 maggio 1986 -11 maggio 2018     32 anni dalla prima apparizione a Belpasso 

 

I apparizione
Domenica 11 maggio 1986
Dal Diario di Rosario: Erano le 12,30 ed io e i miei tre cugini ci avviammo per cercare quel luogo dove
la Madonna mi aveva promesso che l’avrei vista.
Usciti dal cancello della nostra villetta, incominciammo ad avviarci verso il boschetto adiacente. Il tratto
in cui camminavamo curvava pian piano a sinistra, tanto che ci trovammo di nuovo al punto di partenza. Mi
guardai un po’ attorno perché mi sembrava inutile andare di nuovo in mezzo al boschetto. Vidi così, da
lontano, una bella roccia, diversa di colore e di forma dalle altre ed anche particolare per la sua posizione.
Sicuro che fosse quello il luogo dell’apparizione, incominciai a scendere la discesa che portava alla strada
principale, portandomi dietro i miei cugini. Facendo molta attenzione nell’attraversare la strada (anche per
i miei cugini più piccoli), arrivammo all’altro margine della strada che si affacciava in un’estesa zona
rocciosa. Incominciammo a camminare di nuovo, stavolta in mezzo ai cespugli; una cosa particolare che ci
stup† era quel viottolo che, attraverso quel luogo, portava ad un grande spiazzo dove troneggiava la bella
roccia di forma cubica. Arrivati lì, ci sedemmo e aspettammo.
Nel frattempo i miei zii ed i miei genitori, che erano rimasti per un po’ a casa, affacciati dal balcone per
seguirci con lo sguardo, avendo capito che avevamo trovato il luogo della Madonna, si incamminarono
anche loro e ci raggiunsero: pregammo insieme.
Erano ormai le 13.00 (le 12.00 ora solare), il cielo era di un bel celeste, vidi una nuvola bianca che pian
piano si avvicinava verso noi, scese bassa bassa e si fermò vicinissima alla roccia. La nuvola, poi, cominciò
ad espandersi e ad allargarsi come un fiore: gi€ filtrava una forte luce come quella che appariva a casa mia,
e dopo un po’ vidi una dolce Signora, vestita di bianco, con il manto bianco in testa bordato d’oro, aveva
una fascia bianca anch’essa bordata d’oro, le mani giunte ed un rosario tra le mani (in seguito, il 18 giugno,
la vidi con le braccia aperte ed il Cuore Immacolato).
La bianca Signora disse:
Vi benedico, figli miei. Rafforzate la vostra fede partecipando sempre, ma con tutto il cuore, alla
Santa Messa. La fede è un frutto che non deve marcire mai. La Chiesa, la fede, devono essere il
presente per poi diventare la Chiesa futura. Meno crederete, più soffrirete.
Pregate sempre più e mettete tutto il cuore nella preghiera.
Leggete spesso la Sacra Bibbia, capirete molte cose sulla vita santa e sul timor di Dio.
Bisogna fare le opere di bene, sì, ma educate pure i vostri pensieri, siate umili con i vostri pensieri:
l’umiltà è benedetta da Dio.
Tenete sempre, in ogni momento, vostro Signore nel vostro cuore: la sua presenza vi darà forza per
continuare il vostro cammino e per ottenere sempre la salute dell’anima e del corpo.
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
Verrò€ fra sette giorni.

RSS Lettura del giorno

  • 2019-03-23 - Commento di Sabato
    «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro». ||| Da questa accusa dei farisei e degli scribi, Gesù fa sgorgare una delle pagine più belle e dense del Vangelo. Ci illumina sulle realtà più vere del nostro essere e del nostro vivere: coniuga la realtà del nostro peccato e l’amore misericordioso del Padre. Un figlio, […]